ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

mercoledì 23 novembre 2016

COME ANDARE A MESSA E NON PERDERE LA FEDE


Un grazie alla Fondazione il Giglio per aver riproposto questo libro ormai introvabile presentandolo con la partecipazione del Prof. Vignelli e del prof. Ayuso.

Con un titolo provocatorio e con un testo chiaro e brillante, don Nicola Bux, che fu nominato dal Santo Padre Benedetto XVI tra i Consultori della Sacra Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, spiega cosa non bisogna fare a Messa, i rimedi che il Pontefice propone per affermare la verità della liturgia, racconta di quando è nata e cos’è la Santa Messa, educa alla partecipazione all’Eucaristia e conclude con una riflessione di Vittorio Messori sul problema dell’omelia. 

Nel volume il sacerdote precisa che l’ultima cena non fu la prima Messa, perchè come ha spiegato anche Joseph Ratzinger, la cena celebrata da Gesù alla vigilia della Pasqua ebraica non è ancora una liturgia cristiana. Anche se con le due benedizioni del pane e del vino si fonda quella che in greco si chiama Eucaristia.

Di cambiamenti introdotti dagli apostoli si incomincia ad aver notizia dopo il martirio di Santo Stefano, quando cacciati dal tempio e dalle sinagoghe, i cristiani si riunirono con assiduità nelle case il pomeriggio del “primo giorno della settimana” che da Gesù Dominus prese il nome di Domenica.

San Giustino nella sua “Prima apologia” spiega all’imperatore Antonino Pio come si celebrava la messa a Roma nel 155 d.C., celebrata nel giorno del sole (domenica) con l’ascolto delle memorie degli apostoli, degli scritti dei profeti, l’omelia e la preghiera universale, il secondo, la colletta la presentazione del pane e del vino, l’azione di grazie consacratoria e la comunione.

La spiegazione del titolo si trova negli intenti che precedono lo svolgersi del libro, quando Bux sostiene che la liturgia cristiana subisce ai nostri tempi una violenza sottile.
I suoi riti e simboli – ha scritto l’autore – sono desacralizzati o sostituiti da gesti profani. In ritardo sulle ideologie in frantumi, si ricorre a simboli fatti da mano d’uomo, idoli, come la bandiera arcobaleno usata come stola o tovaglia d’altare”.

Don Bux si chiede cosa fare per uscire da questa crisi della liturgia e della Chiesa? E risponde facendo riferimento alle soluzioni che il Pontefice Benedetto XVI sta prospettando. 
“Il Papa – è scritto nel libro – ci sta richiamando in tutti i modi alla conversione, serve le liturgia perchè ‘all’inizio dell’essere cristiano non c’è decisione etica o una grande idea, bensì l’incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva’” (Deus caritas est n.1).

“Pertanto – sostiene Bux – la riforma di Papa Benedetto XVI, mirante a superare le deformazioni al limite del sopportabile e l’idea che la liturgia possa essere fabbricata, deve rimettere il rito, il sacramento del sacro ristabilendo i diritti di Dio a essere adorato come lui vuole invertendo la pericolosa tendenza a creare riti contingenti che assecondano i bisogni dell’uomo o dell’assemblea”.
Nella prefazione al primo volume della sua Opera Omnia il Pontefice ha scritto: “Prima di tutto Dio, questo ci dice l’iniziare con la liturgia; là dove lo sguardo su Dio non è determinante, ogni altra cosa perde il suo orientamento”.
Bux sottolinea che “la Messa serve alla testimonianza della fede, a difenderla, a diffonderla” perchè nella Messa “avviene l’adorazione del Signore Cristo nei nostri cuori che consente di dare ragione agli uomini e alle donne del nostro tempo della speranza che è in noi con dolcezza, rispetto e retta coscienza senza vanto ma con la benignità e la pazienza dell’amore”.

Il libro di Bux ribadisce la spiegazione della Santa Messa rilevando che essa è “il memoriale incruento della Passione, Morte e Risurrezione del nostro Signore Gesù Cristo”.

Nella parte finale Vittorio Messori analizza i problemi relativi all’omelia e osserva che la prima difficoltà sta nel linguaggio: termini come omiletica, carisma, catechesi, presbitero, kerigma, Kenosi, sinassi, agape, dossologia, teandrico, escatologico, penumatologico, parenetico, mistagogico, ecumenico, teurgico, esegetico, parresico, soteriologico ecc… rendono oscuro il significato delle parole.

A questo proposito Messori indica la soluzione in una regola che è quella aurea di chi scrive e cioè semplificare, che nel caso specifico significa esprimere un’idea, un concetto fino in fondo, uno solo, eliminando fronzoli, preamboli, digressioni e poi svolgerlo in forma chiara e breve.
A tal proposito Messori ricorda che San Giovanni Bosco che pure era un uomo assai colto, preparava i testi delle omelie confrontandoli con sua madre Margherita, che aveva fatto l’equivalente della seconda elementare e che parlava meglio il piemontese che l’italiano.

Preparando omelie semplici ed efficaci San Giovanni Bosco divenne un autentico leader della comunicazione e della cultura popolare.

Per questo motivo nell’ultima di copertina Bux dedica il libro “a quanti capiscono poco o nulla di quello che si dice durante la Messa, ma sono devoti, più attenti di un teologo. Quant’è santa la loro partecipazione alla Messa!”.



Nessun commento:

Posta un commento