ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

martedì 16 agosto 2016

AL SZIGET FESTIVAL SVENTOLA IL BIANCO VESSILLO DELLA NOSTRA PATRIA


Il Sziget Festival è un festival musicale che si tiene sulla Óbudai-sziget ("isola della vecchia Buda") a Budapest, in Ungheria.
L'isola si trova in mezzo al Danubio. Prende nome dalla parola ungherese sziget che per l'appunto significa isola. Inizialmente nasce come rassegna per gruppi locali nel 1993 per poi aumentare e migliorare anno dopo anno il cast artistico. Ad oggi, è uno dei festival che conta più presenze in assoluto al mondo, grazie anche alla sua durata che a differenza di un normale festival è di una settimana, la seconda di agosto.

un'immagine dell'edizione 2014
Un'esibizione al Main StSziget Festival conta più di 60 palchi e ospita non solo musica dal vivo ma anche DJ set, spettacoli teatrali, proiezioni videocinematografiche, danza, esibizioni circensi, artisti di strada e manifestazioni sportive. È un evento unico nel suo genere, multimediale, aperto ad ogni espressione artistica e musicale, punto d'incontro di culture e tendenze disparate come pop, rock, metal, hip hop, blues, reggae, afro, world music, folk, elettronica, jazz, classicaed ogni altra sperimentazione sonora.

immagine dall'alto dell'edizione di quest'anno


Quest'anno, nello spazio dedicato alle musiche di ispirazione tradizionale, si è esibito anche il nostro Enzo Avitabile, insieme ai Bottari e ai Scorribanda.


Ma non è solo questa la bella notizia. Come testimoniato dalle foto inviateci dal nostro amico Donato Tartaglione, quest'anno, infatti, il bianco vessillo della nostra Patria, la bandiera del Regno delle Due Sicilie, sventolava orgoglioso in prima fila.
















Il Conservatorio. Il pop. Il ritmo afro-americano. La musica antica della pastellessa e della zeza e il canto sacro. Enzo Avitabile ha vissuto nella ricerca di un suono inedito, non solamente originale ma vitale ed essenziale. Demolendo ogni sovrastruttura mercantile, ogni moda. 


Queste le vere note biografiche del cantante, compositore e polistrumentista. Da bambino, Avitabile ha studiato il sassofono; da adolescente si esibito nei club napoletani affollati dai clienti americani. Quindi si è diplomato nella disciplina del flauto a S. Pietro a Majella e ha iniziato a collaborare con artisti pop e rock di tutto il mondo, da James Brown a Tina Turner, ma muovendosi sempre sotto un cielo assolutamente personale, mai comune.

Nessun commento:

Posta un commento