ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

giovedì 28 luglio 2016

L'anniversario dei martiri di Pietrarsa e le strumentali polemiche in Rete






dal blog de il Mattino riproponiamo quest'articolo del noto giornalista e scrittore Gigi Di Fiore
(link all'articolo originario)



Ancora sull'eccidio di Pietrarsa, perchè il 6 agosto si avvicina e perché si continuano a leggere in Rete interventi risibili, che ignorano completamente i documenti sulla vicenda, probabilmente per difendere qualche interesse pseudoaccademico. Ancora sull'eccidio di Pietrarsa, di cui ricorrono tra pochi giorni i 153 anni. Ancora sull'eccidio di Pietrarsa perché è storia d'Italia e dei metodi utilizzati per farla diventare Nazione.



Su quegli operai uccisi durante il primo sciopero dell'Italia unita il 6 agosto 1863, lo scorso dicembre c'è stata una prima iniziativa toponomastica con una strada intitolata ai "Martiri di Pietrarsa" nel comune di San Giorgio a Cremano. Iniziativa analoga ha avviato il comune di Napoli. Su quelle proteste, gli incidenti, l'arrivo dei bersaglieri che spararono sugli operai, chiamati dall'imprenditore Jacopo Bozza, che si era aggiudicata la svendita governativa, ho già scritto tanto. Anche della concessione dello stabilimento ottenuta da Bozza per 20 anni con canone di appena 46.000 lire. Qui, perciò, voglio accennare alle premesse di quel 6 agosto.

la targa di via Martiri di Pietrarsa a San Giorgio a Cremano, inaugurata lo scorso dicembre

L'orgoglio dell'industria siderurgica meridionale, lo stabilimento voluto dal re Ferdinando II di Borbone per realizzare materia prima e carrozze ferroviarie ebbe, subito dopo l'unificazione, destino segnato. C'è chi continua a sostenere: quell'azienda era sostenuta dalle commesse statali e dagli aiuti del governo borbonico, non era competitiva e quindi, in un mercato capitalistico, doveva "giustamente" chiudere.

veduta dello stabilimento di Pietrarsa
Cinismo di chi nulla sa di politiche governative, di teorie keynesiane da applirare all'economia politica. Che dimentica, ad esempio, come gli incentivi governativi, con sconti sostanziosi, furono pensati, in anni recenti, per l'acquisto di auto in grado di aiutare la Fiat di Torino. Chi ignora come la politica economica è sempre una scelta e che, nella nostra storia, ha spesso seguito interessi dei più forti. Come per Pietrarsa.




Già, perchè, come i tanti ignoranti della Rete continuano a non sapere, le premesse del deprezzamento furono commesse del valore di 5500000 lire già decise, per realizzare linee ferroviarie su cui ci sarebbe stato bisogno di acquistare 21 locomotive, 210 altri veicoli e 100 vagoni per trasposto materiale. Acquisti per linee, naturalmente, di collegamento nel centro-nord. Acquisti che facevano gola. Era l'Ansaldo di San Pier d'Arena la concorrente diretta di Pietrarsa. La scelta fu affidata ad uno studio dell'ingegnere piemontese Sebastiano Grandis.

Sebastiano Grandis

Doveva decidere chi dovesse restare a proprietà pubblica e chi invece poteva essere svenduto. Naturalmente, l'ingegnere scelse l'Ansaldo e non perché Pietrarsa non fosse competitiva nell'apparato produttivo e nelle capacità degli operai. La motivazione fu la vicinanza geografica maggiore ai cantieri ferroviari. Scelte, che nei primi anni di Italia unita portarono a decidere 6 opere ferroviarie al centro-nord e solo 2 al sud. Colpa dei meridionali? Nel 1863 l'Italia era unita, evidentemente gli interessi forti già risiedevano altrove.

operai di Pietrarsa

Strada in discesa per l'Ansaldo, tutta in salita per Pietrarsa. Svenduto lo stabilimento, anche dopo una feroce campagna di stampa che tese a svilirne la produttività, privato di commesse pubbliche a vantaggio dell'azienda ligure, il gioiellino delle ex Due Sicilie fu destinato a vivacchiare per qualche anno, tra alti e bassi, riduzione di personale e incapacità gestionali. La protesta operaia del 6 agosto 1863 fu l'effetto diretto, dunque, di scelte politiche del Parlamento e del governo unitario di Torino.

Una pagina di storia che, chissà perché, dà fastidio a qualcuno che non si è preso la briga di consultare atti parlamentari e governativi, contratti, giornali dell'epoca, archivi. Così è, soprattutto in Rete dove la passiva ignoranza per spirito polemico impera. Ma la storia, senza tener conto dei documenti a disposizione, è pura invenzione. Molti, purtroppo, lo dimenticano.

Nessun commento:

Posta un commento