ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

domenica 6 marzo 2016

SAN GENNARO: firma la petizione

SAN GENNARO / Il popolo di Napoli risponde e scende in piazza: “Giù le mani dalla nostra identità”


Da "Identità Insorgenti" riportiamo l'articolo della brava Drusiana Vetrano sul grande successo della manifestazione di sabato 5 marzo (nella didascalia è evidenziata l'immagine di questo post presente nell'articolo originale)

una placca in marcassite e oro dell'Insigne Reale Ordine di San Gennaro (coll. Spada)

NAPOLI 5 marzo 2016: Continuiamo ad apprezzare l'opera di Lucilla Parlato e di Identità Insorgenti.
Merita un plauso per quello che, come in altre occasioni, sono riusciti a fare mobilitando una folla incredibile di persone a difesa della Reale Deputazione del Tesoro di San Gennaro dalle ingerenze governative e non.
Complimenti Lucilla, Drusiana e tutta Identità Insorgenti.


il link per firmare la petizione #Giùlemanidasangennaro, promossa da identità insorgenti


Se San Gennaro chiama, i napoletani accorrono.
A migliaia erano presenti, oggi, dinanzi al Duomo cittadino a difendere il loro Santo, il Santo del popolo napoletano, che da anni veglia sulla città.
tantissime le persone presenti
Come segno di protesta -una protesta civile, composta, pacifica- un fazzoletto bianco, simbolo di laicità. Quella laicità in cui vogliamo continuare a specchiarci, certi di non sottostare ad alcuna testa mitrata che non sia quella del nostro unico Vescovo: Gennaro.
l'editore napoletano Gino Giammarino tra i fazzoletti bianchi del popolo di San Gennaro (questa immagine è presente nell'articolo originario)
Una città straordinaria, Napoli, capace di sorprendere sempre. Come ha fatto oggi, riunendo le anime più diverse di questo complicato groviglio, gruppi in contrapposizione tra loro, provenienze politiche e sociali diametralmente opposte. Tutti, veramente tutti, riuniti sotto l’ala di Gennaro, in difesa di una napoletanità sempre più minacciata ed in via d’estinzione.
l'immagine divenuta simbolo della manifestazione
Gennaro ripete il miracolo ogni anno, più volte l’anno. Ma il vero miracolo noi lo abbiamo visto oggi, e ve lo raccontiamo col cuore traboccante di orgoglio e speranza.
tantissimi i fazzoletti bianchi testimonianza del grande successo dell'iniziativa e del grande amore per San Gennaro  
Nota di orgoglio particolare per una battaglia che abbiamo lanciato e sostenuto sin da subito, e che continueremo a sostenere con forza.

ancora una testimonianza della grande folla presente

Infervorate le parole del nostro Direttore, Lucilla Parlato. Toccanti quelle di Francesco Andoli, tra i massimi esperti del Santo napoletano. Unica la voce che si è levata in una piazza gremita: San Gennaro nun s’ha da tucca’!


E così sia. Se San Gennaro chiama, i napoletani accorrono.
il comm. Luigi Andreozzi ed il cav. Antonello Amaddeo, sempre presenti
Ma la battaglia non si ferma e nelle  prossime ore su change lanceremo la petizione #Giùlemanidasangennaro per fare in modo che anche i nostri emigranti in tutto il mondo possano partecipare.
Drusiana Vetrano

5 commenti:

  1. LA STORIA VERA, NON QUELLA MANIPOLATA DALLE CAROGNE SAVOIARDE, CONTINUATE DAL 20ENNIO FASCITA E PROSEGUITE DAL REGIME ATTUALE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è la nostra missione, la battaglia per una Storia che sia vera e documentata.

      Elimina
  2. Ho firmato la petizione: http://thecandelabra.blogspot.it/2016/03/caso-san-gennaro-vi-e-la-petizione.html.

    RispondiElimina
  3. San Gennaro di nascita calabrese ma d'-adozione napoletano con un tesoro più grande di quello dei Windsor "nun sa tucca'"

    RispondiElimina