ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

sabato 16 gennaio 2016

19 Gennaio 1925 - 19 Gennaio 2016 XCI Anniversario della morte della Regina


Sua Maestà  Maria Sofia di Borbone Withelsbach
Regina del Regno delle Due Sicilie

                                                  
 19 gennaio 1925         -          19 gennaio 2016     


91 anni dalla morte della Regina Maria  Sofia
Ultima Regina Regnante
Del Regno delle Due Sicilie
                                                     

Con grande coraggio e dignità regale
tenne alta la Bandiera delle Due Sicilie
fino alla morte
           
  
Un pensiero memore e una dichiarazione di fedeltà 
                                                           
                                                                                      
                                                                           Giovanni Salemi
Presidente Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie




«Femme hèroique qui, reine soldat,
avait fait elle meme son coup de feu
 sur les remparts de Gaete.»

Marcel Proust ne  'La prisonnière'


Il prossimo 19 gennaio ricorreranno 91 anni dalla salita al Cielo della Regina del Regno delle Due Sicilie, Maria Sofia di Baviera, vera animatrice dell'assedio di Gaeta, salvatrice dell'Onore del regno e dell'esercito delle Due Sicilie: non passò giorno che non trascorse ad aiutare i suoi soldati sotto le cannonate, a curare le loro ferite, a condividere i loro stenti e le loro paure, ad incoraggiarli, a nutrirli, a soccorrerli, così come dava forza al marito nei momenti più difficili.

Le LL.MM. Francesco e Maria Sofia

La coppia Reale a Gaeta diede degnissimo spettacolo di sé, uno spettacolo fatto di amore, abnegazione, devozione, onore e dignità, senso del dovere e della Patria, ma anche di serenità e di affetto per i propri sudditi e per i propri soldati.

Nessun commento:

Posta un commento