ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

mercoledì 7 ottobre 2015

CAPUA. Tutto pronto per la XVIII commemorazione della Battaglia del Volturno.

SACRO MILITARE ORDINE 
COSTANTINIANO DI SAN GIORGIO
DELEGAZIONE PER LA CAMPANIA



Riportiamo di seguito quanto pubblicato dal più cliccato quotidiano online del Capoluogo: casertace.net

CAPUA. Tutto pronto per la XVIII commemorazione della Battaglia del Volturno. E Antropoli prepara un’intesa con il comune di Gaeta…


CAPUA - C’è gran fermento in città per l’annuale appuntamento con la storia che, quest'anno, si terrà sabato 17 ottobre ed avrà come scenario corso Gran Priorato di Malta dove da qualche anno fa bella mostra di sé una lapide commemorativa dei Soldati dell’esercito napoletano che furono impegnati, i primi due giorni del mese di ottobre del 1860, sul Volturno nella celebre battaglia contro le forze di Garibaldi, e che riuscirono nell’impresa di bloccare l’avanzata delle camice rosse pur tuttavia senza riuscire nell’impresa di riprendere le posizioni di Caserta, Maddaloni e Santa Maria Capua Vetere, premessa indispensabile per una controffensiva decisiva verso Napoli, capitale del Regno delle Due Sicilie. Un momento determinante che viene ricordato per il 18esimo anno grazie all’impegno di Giovanni Salemi, medico militare e presidente dell’associazione culturale che ricorda il capitano De Mollot, che combatté sul Volturno, nonché presidente dell’Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie.

la lapide che ricorda i Caduti dell'Esercito del Regno delle Due Sicilie

Quest’anno, grazie anche all’impegno dell’amministrazione comunale, si sono poste le premesse per una istituzionalizzazione vera e propria della cerimonia commemorativa grazie ad preliminare di intesa tra il Comune di Capua, guidato da Carmine Antropoli, e quello di Gaeta, Cosmo Mitrano, che ospita, a febbraio, il tradizionale Convegno della Fedelissima che ricorda la conclusione dell’assedio della fortezza gaetana e l’inizio dell’esilio dei Sovrani napoletani Francesco II e Maria Sofia. Prevista la presenza dei due primi cittadini, oltre che gli organizzatori del convegno della Fedelissima, tra cui l’avvocato Sevi Scafetta, per il passaggio della Bandiera, singolare iniziativa che da quest’anno legherà, idealmente, le due città e i due eventi.

il Sindaco di Capua dr. Carmine Antropoli accanto a SAR la Principessa Beatrice di Borbone
Un viaggio nella storia e nelle tradizioni culturali preunitarie ma anche l’occasione per affrontare con criterio e spirito propositivo il presente. Da qui l’importanza della presenza al convegno di quest’anno del Presidente della Camera di Commercio di Caserta Tommaso De Simone, che sarà uno dei relatori del convegno che comincerà alle ore 18.30 al Museo Campano, assieme allo storico Francesco Maurizio Di Giovine e al giornalista Fernando Riccardi.

figuranti con le uniformi borboniche

A dare maggior prestigio all’iniziativa culturale, il cui programma trovate integralmente in calce, anche la presenza del Presidente Onorario dell’Associazione Ex Allievi Nunziatella Giuseppe Catenacci che, come ogni anno, si prodiga nella preparazione e nella distribuzione di un pamphlet commemorativo che ricorda un personaggio, un aspetto o un evento, dei fatti del primo ottobre 1860. “Siamo diventati maggiorenni – scherza Giovanni Salemi, padre fondatore della manifestazione - e ci fa piacere crescere anno dopo anno e affiancare al vecchio ristretto gruppo di appassionati della storia napoletana sempre più persone che ci fanno sentire il proprio apprezzamento. Siamo davanti ad un momento importante e devo ringraziare sia l’amministrazione comunale che la direzione del Museo Campano, oltre che tutti gli amici, capuani e non, che vorranno trascorrere, tra cultura, arte e attualità, un pomeriggio con noi”.

Presenti, come sempre, anche i cavalieri del Sacro Militare Ordine Costantiniano di Napoli e della Campania, guidati dal delegato Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli.
red. pro.

Nessun commento:

Posta un commento