ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

mercoledì 21 ottobre 2015

CAPUA. Si è tenuta la XVIII commemorazione dei soldati Napoletani caduti al Volturno. La bandiera delle Due Sicilie per il “gemellaggio” con Gaeta, Messina e Civitella del Tronto



Al termine della SS. Messa in suffragio dei soldati napoletani del Regno delle Due Sicilie caduti nella battaglia del Volturno del 1° Ottobre 1860, tra gli altri i vicedelegati per la Calabria, Aurelio Badolati, e la Sicilia, Antonio di Janni, del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, e il Comm. Giovanni Salemi, organizzatore della manifestazione.

CAPUA - Si è tenuta sabato 17 ottobre u.s., con il solito successo di pubblico, l’annuale Commemorazione dei soldati dell'Esercito del Regno delle Due Sicilie Caduti nella Battaglia del Volturno organizzata dall’Istituto di ricerca storica delle Due Sicilie guidato dal medico capuano Giovanni Salemi che da una vita si batte per ricordare e celebrare i vinti del risorgimento su cui, soprattutto in questi ultimi anni, si è tanto dibattuto.
Una manifestazione giunta alla maggiore età come dimostra anche la presenza delle istituzioni. Presenti i rappresentanti di ben 4 delegazioni del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, di cui il comm. Salemi è uno storico militante, a partire dal Delegato della Campania, il marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, rappresentato dall’avvocato Giulio Del Vaglio, e poi i delegati vicari del Lazio, Franco Ciufo, della Sicilia, Antonio di Janni, e della Calabria, Aurelio Badolati.
A fare da padrone di casa il Sindaco di Capua, Carmine Antropoli che ha partecipato, a nome dell’amministrazione e della città sul Volturno, al passaggio della bandiera all’assessore del comune di Gaeta, prof. Raffaele Matarazzo, intervenuto in rappresentanza del primo cittadino della Fedelissima, dr. Cosmo Mitrano. Un passaggio, quello avvenuto all’ombra della lapide che celebra l’evento in corso Gran Priorato di Malta, che è sia materiale che ideale e che punta ad unire le 4 tappe del percorso di rievocazione storica portata avanti in questi ultimi anni. Capua, a ottobre, Gaeta, nel mese di febbraio, e Messina e Civitella, in quello di marzo. Un percorso, a cavallo tra il 1860 e il 1861, che si snoda attraverso battaglie e assedi che hanno fatto la storia e segnato la fine di un regno, quello delle Due Sicilie, che è durato 7 secoli.
Altro elemento centrale dell’evento la presentazione del pamphlet commemorativo del nono reggimento di fanteria “Puglia” e del suo comandante, il Colonnello Gerolamo de’Liguori, pubblicato dall’associazione nazionale ex allievi della Nunziatella rappresentata dal Presidente Onorario Giuseppe Catenacci.
Il convegno, che si è tenuto nella splendida cornice di Palazzo Antignano sede del Museo Campano, è stato invece affidato alle cure di Francesco Maurizio Di Giovine e Fernando Riccardi, che hanno illustrato lo svolgimento della battaglia e la caduta del regno delle Due Sicilie.
Quindi, l'editore napoletano Gino Giammarino ha festeggiato i 15 anni della storica rivista "il Brigante" proiettando un filmato che ne ripercorreva i momenti salienti.
Momento di spettacolo affidato ai ragazzi napoletani dell’associazione Nartea, a conclusione della bella giornata.
“Siamo soddisfatti della riuscita della manifestazione e abbiamo già dato appuntamento ai convenuti alla XIX edizione che si terrà nel mese di ottobre del 2016, un appuntamento – ha dichiarato Giovanni Salemi – diventato ormai una tradizione e un punto di riferimento per Capua e per il Sud”.
red. cro.


Il giornalista e storico Fernando Riccardi e l'avv. Sevi Scafetta 

Il Comm. Giovanni Salemi e il Cav. Giulio Del Vaglio, delegato dal Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli a portare al convegno i saluti della delegazione di Napoli e Campania del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

Il tavolo dei relatori. Da sinistra Maurizio di Giovine, Gino Giammarino, Fernando Riccardi, Raffaele Matarazzo e Giovanni Salemi

Tra il pubblico i vicedelegati del Sacro Militare Ordine Costantiniano per la Calabria, Aurelio Badolati, e per la Sicilia, Antonio di Janni, e il Cav. Giulio Del Vaglio

Il Sindaco di Capua, Carmine Antropoli, il Cav. Francesco Salemi e il Cav. Sevi Scafetta

Il passaggio della bandiera del Regno delle Due Sicilie tra i comuni di Capua e Gaeta, nella persona del Sindaco Carmine Antropoli e dell'assessore Raffaele Matarazzo, delegato dal primo cittadino della Fedelissima Cosmo Mitrano
La presentazione dell'anno carolino, il ciclo di eventi che l'Istituto dedicherà alla figura di Don Carlo di Borbone, Re delle Due Sicilie (1734-1759), restauratore dell'indipendenza piena dei Regni di Napoli e Sicilia, nel 3° centenario della nascita (1716-2016)

Il Vicedelegato del Sacro Militare Ordine Costantiniano del Lazio, Avv. Franco Ciufo, tra il Sindaco di Capua, Carmine Antropoli, e l'assessore comunale di Gaeta, Raffaele Matarazzo

Da sinistra Aurelio Badolati, Giovanni Salemi, Giovanni Bonanno, Carmine Antropoli e Alberto Marulli

Da sinistra Giovanni Bonanno, Antonio di Janni, Franco Ciufo, Carmine Antropoli e Sevi Scafetta

Nessun commento:

Posta un commento