ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

giovedì 23 luglio 2015

il Delegato per la Campania dell'Ordine Costantiniano incontra i cavalieri casertani



CAPUA: Martedì 21 alle ore 19 a Capua, presso la Masseria Giò Sole, si sono ritrovati i Cavalieri della Provincia di Caserta, chiamati a raduno da Giovanni e Francesco Salemi con lo scopo di incontrare il Delegato Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli. 


il cav. Francesco Salemi (a sin.) ed il Marchese Sanfelice di Bagnoli (a destra)
Accolti amabilmente dal padrone di Casa, il Cavaliere di Giustizia Barone Alessandro Pasca di Magliano, un buon numero di cavalieri ha sfidato il caldo eccessivo anche per una Terra nota come " 'o Paese d' 'o Sole" per essere presente all'importante incontro.


Il Marchese Sanfelice ha rappresentato le alte cariche dell’Ordine Costantiniano, spiegando il nuovo assetto del nostro Ordine e della creazione della Fondazione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, avvenuta a Napoli lo scorso 30 giugno.
Il Delegato ha anche brevemente ripercorso la storia dell'Ordine, non solo molto prestigioso ma anche il più antico, nel 2013 ha festeggiato i 1700 anni di vita facendosi risalire la sua fondazione all'imperatore Costantino I il Grande nella Battaglia di Ponte Milvio del 313 D.C.


il Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli parla ad un attento pubblico di cavalieri. In primo piano il comm. Salemi, nostro presidente
Antica la Storia del nostro Ordine ed anche densa. Con la Bolla "Sinceræ Fidei" del 24 ottobre 1699, Sua Santità Papa Innocenzo XII confermava la cessione del Gran Magistero dall'ultimo Principe della Casa Imperiale dei Comneno, Giovanni Andrea Angelo Flavio Comneno, a Francesco I Farnese, Duca di Parma, Piacenza e Castro.
Nel 1731, alla morte senza eredi del Duca Antonio Farnese, come stabilito dal "Trattato di Londra" del 1718, il Gran Magistero passò all'Infante Don Carlo di Borbone, figlio di Elisabetta Farnese, che pochi anni dopo, nel 1734, cinse la Corona di Napoli e nel 1735, la Corona di Sicilia.
Da Carlo per successione ininterrotta si arriva ad oggi con l'attuale Gran Maestro che è S.A.R. il Duca di Castro (titolo di provenienza farnesiana che spetta al Capo della Real Casa di Borbone Due Sicilie) Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie.


da sinistra, il cav. Conte Alberto Marulli, il prof. avv.Antonio Sciaudone, il cav. Vincenzo de Maio, il padrone di casa, cav. Barone Alessandro Pasca di Magliano, il cav. Pietro Valle
Il Delegato ha anche ricordato le numerose attività benefiche che oggi vedono  la Delegazione della Campania protagonista sia in Patria sia all'Estero raccontando anche alcuni aneddoti occorsi durante le ultime missioni.

Inoltre ha parlato delle attività come il Corpo Volontari di Soccorso, la Guardia d'Onore, il poliambulatorio, lo sportello legale ed addirittura uno sportello "rotale", augurandosi che anche su Caserta possano nascere iniziative analoghe.
il logo del Corpo Nazionale di Soccorso dell'Ordine  Costantiniano
Il Marchese Sanfelice ha scelto come suo rappresentante in provincia di Caserta, per coadiuvarlo nella gestione del numeroso gruppo di cavalieri costantiniani presenti in Terra di Lavoro, il medico capuano Giovanni Salemi, Commendatore di merito con placca del S.M.O.C., da anni impegnato sia nelle attività dell’ordine sia nel campo culturale. Animatore di convegni, dibattiti ed eventi culturali aventi per tema l’eredità storica delle Due Sicilie e le tradizioni del Sud e fedelissimo di Casa Borbone, e proprio per questa sua attività e militanza gratificato dal Delegato dell’Ordine. Ad assisterlo anche il cav. Francesco Salemi, che dell’incontro di martedì è stato l’organizzatore.


il sig. Marchese insieme con il cav. Tommaso De Simone, presidente della Camera di Commercio di Caserta
Tra i cavalieri presenti, il padrone di casa Barone Alessandro Pasca di Magliano, il Conte Alberto Marulli, il Contrammiraglio Pio Forlani, il Presidente della Camera di Commercio Tommaso De Simone ed il Presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, Alberto Zaza d’Aulisio.


il sig. Marchese tra i cavalieri Alberto Zaza d'Aulisio (sinistra) e Pio Forlani (destra). sullo sfondo il cav. Enzo de Maio.
Presenti anche simpatizzanti dell'Ordine, tra cui ricordiamo il prof. avv. Antonio Sciaudone.
Si è trattato di un bel momento di aggregazione  per i cavalieri casertani conclusosi con una simpatica e gustosa cena.

g.r.
da sin., l'avv. Alberto Zaza d'Aulisio, il Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli ed il Barone Alessandro Pasca di Magliano.

da sin. il cav. Di Donna, la Sua gentile accompagnatrice, la sig.ra Giovanna Guarino Salemi, il cav. Francesco Salemi, il cav. Conte Alberto Marulli, il Marchese Sanfelice ed il cav. Tommaso De Simone.


Nessun commento:

Posta un commento