ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

lunedì 31 marzo 2014

Luciano Salera a Caserta nell'ultimo incontro dei Seminari Storici




Anche quest'anno il Liceo Manzoni di Caserta ha ospitato i Seminari di Studi Storici organizzati dall'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie.
Nei tre incontri precedenti, seguendo il tema di quest'anno "FATTI e MISFATTI DELL'UNITA' ITALIANA", si è parlato del mistero che avvolge la morte  di Ippolito Nievo con il giornalista e storico Fernando Riccardi; della famigerata "Legge Pica" con l'avv. Antonio Sciaudone ed infine, con il noto giornalista de "Il Mattino", Gigi Di Fiore, si è parlato delle stragi di Pontelandolfo e Casalduni.
A conclusione del ciclo di incontri di quest'anno, venerdì 4 aprile alle ore 11,00, sarà lo scrittore e storico napoletano Luciano Salera a parlare ai ragazzi sul tema "La Storia Manipolata".
Da parte di tutto l'Istituto ed in particolare del suo presidente, comm. Giovanni Salemi, un grazie sentito agli oratori che hanno partecipato ai Seminari di quest'anno.
Un sentito ringraziamento va anche alla dinamica Dirigente Scolastica, prof. Adele Vairo, alle sue collaboratrici, prof.sse Titti Farina e Rossella Salvato ed a tutti i docenti le cui classi hanno partecipato ai Seminari.
Ma soprattutto un ringraziamento va ai ragazzi per l'interesse che sempre, fin dalla prima edizione, hanno mostrato nei confronti degli argomenti trattati.




LUCIANO SALERA è nato a Napoli; laureato in economia e commercio, ha sempre coltivato una forte passione per la storia di Napoli e del Mezzogiorno, con particolare attenzione alle vicende del Regno delle Due Sicilie orientando tutto il suo impegno a ricostruire finalmente una storia verità documentata, non inventata e non succube della vulgata imposta da una sciocca e retorica propaganda.



Nessun commento:

Posta un commento