ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

mercoledì 12 febbraio 2014

Grande successo per la presentazione del libro dedicato al Conte di Caserta, il Principe Alfonso di Borbone Due Sicilie



CASERTA: Eccezionale successo per la presentazione del libro del marchese Gaetano de Felice, dal titolo “Il Re. Alfonso di Borbone Conte di Caserta” a cura di Giuseppe Catenacci e Francesco Maurizio Di Giovine, edito dalla D'Amico Editore, che si è tenuta sabato scorso nella raffinata cornice dell'Hotel Jolly, in quel di Caserta. L'evento, dedicato alla figura del capostipite degli attuali esponenti della Real Casa, ed organizzato dall'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie nella ricorrenza dell'80° anniversario della morte del Principe Alfonso di Borbone (1934 - 2014), con il patrocinio del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, della Real Casa di Borbone Due Sicilie e della Societa di Storia Patria di Terra di Lavoro, ha visto la quanto mai gradita presenza e partecipazione di S.A.R. la Principessa Beatrice di Borbone Due Sicilie ed inaugura una serie di appuntamenti dedicati proprio alla riscoperta della nobile figura del successore del re Francesco II. Sono intervenuti il comm. Girolamo de Lucia,  delegato del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio per la Terra di Lavoro, che ha portato il saluto di S.A.R. il Principe Carlo di Borbone, Duca di Castro, il consigliere comunale Pasquale Antonucci delegato dal sindaco di Caserta, il comm. Giovanni Salemi, Presidente dell'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie, il prof. avv. Franco Ciufo, delegato vicario del Lazio del S.M.O.C. di San Giorgio, l'avv. Alberto Zaza d'Aulisio, Presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, il dott. Giovanni Grimaldi, specialista di diritto dinastico e nobiliare ed esperto genealogista, il dott. Giuseppe Catenacci, appassionato bibliofilo e past president dell’Associazione Nazionale ex Allievi Nunziatella, il dott. Francesco Maurizio Di Giovine, storico ed infine il dott. Vincenzo D'Amico, editore. I lavori sono stati moderati dal dott. Fernando Riccardi, storico e giornalista. La pur capiente sala dell'albergo casertano non è stata in grado di contenere la gran massa degli intervenuti, provenienti da ogni dove. Ottima l'organizzazione dell'evento, curato nei minimi particolari, grazie alla sapiente regia ed al generoso impegno profuso dai cav. Giancarlo Rinaldi, Francesco Salemi ed Enzo De Maio. Terminati i lavori la principessa Beatrice è stata letteralmente sommersa dagli omaggi dei presenti in sala a dimostrazione del fatto che la Real Casa gode ancora di grande consenso tra le masse del meridione. La domenica successiva ci si è recati a Capua per una visita guidata al rinnovato Museo Campano, nei cui spaziosi ambienti sono custoditi tesori archeologici di inestimabile valore ma che continuano ad essere poco conosciuti specie perché non adeguatamente pubblicizzati. Un male endemico della nostra splendida terra. Nel pomeriggio, invece, ci si è ritrovati tutti quanti insieme a casa Salemi per un brindisi augurale con la principessa Beatrice. Il comm. Giovanni Salemi ha indossato, ancora una volta, i panni di inappuntabile padrone di casa, accogliendo i numerosissimi ospiti che, emozionati e commossi, hanno voluto tributare la loro vicinanza ed il loro affetto, alla augusta rappresentante della Real Casa. Dopo un raffinato concerto eseguito dai giovanissimi studenti del Liceo musicale di Capua (un'altra eccellenza che meriterebbe maggiore considerazione), la serata si è conclusa con il taglio di una enorme torta dove al centro campeggiavano ben visibili le Armi di Casa Borbone. E poi, dulcis in fundo, quanto mai apprezzata l'incursione serale, anzi quasi notturna, alla pizzeria di Franco Pepe, in Caiazzo, dove la Principessa ha potuto assaporare la deliziosa fragranza di una pizza che è tra le migliori sfornate nel nostro paese.


S.A,R. la Principessa Beatrice, il prof. avv. Franco Ciufo, Delegato Vicario del Lazio del S.M.O.C. di San Giorgio ed il cav. Francesco Salemi
S.A.R. la Principessa affianco al comm. Giovanni Salemi, presidente dell'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie

    c
una veduta della sala strapiena. In prima fila, tra gli altri, oltre alla Principessa, il prof, avv. Franco Ciufo (a destra della Principessa), la sig.ra Giovanna Salemi, il conte Ranieri Gaetani dell'Aquila d'Aragona e sig.ra
                                                                                                                                                                                                                                     
il dott. Grimaldi durante il suo apprezzatissimo intervento

Ancora una foto della sala                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         
due "Patriote" del Regno delle Due Sicilie mentre nostrano, orgogliose, la bandiera"

un'altra veduta dela sala

il dorr. Giovanni Grimaldi esperto di diritto dinastico nobiliare
particolare del soldatino raffigurante il principe Alfonso

il soldatino del Principe Alfonso, realizzato dal bravissimo casertano dr. Ludovico Carrano e che è stato donato alla Principessa

da sin., l'avv. Alberto Zaza d'Aulisio, il comm. Girolamo de Lucia, Delegato d Terra di Lavoro dell'Ordine Costantiniano, il comm. Salemi, presidente dell'Istituto

ancora una foto dei presenti alla cerimonia

il tomolo dei relatori. da sin.: l'avv,  Alberto Zaza d'Aulisio, il comm. Girolamo de Lucia, il comm. Salemi, il moderatore, dr. Fernando Riccardi, il dr. Catenacci,ed il dr. Di Giovine, curatori del libri. in ultimo il dr. Vincenzo D'Amico, editore del libro sul conte di Caserta
la sig,ra Salemi, SAR la Principessa ed il cav.  Luigi Cobianchi
il dr. Francesco Di Rauso, esperto numismstico e collezionista di medaglie di epoca borbonica, regala alla principessa alcune riviste contenenti suoi articoli 
il comm. Andreozzi, reagala a SAR  due statuine di Capodimonte, a nome dei componenti d

Anche il presidente della Società di Storia Patria, avv. Alberto Zaza d'Aulisio haregalato alcune cose a SAR, tra cui lo stemma dell'Associazio
il giovane editore, dr. Vincenzo d'Amico, regala alla Principessa la Sua ultima fatica: un diario dell'Assedio di Gaeta in lingua Napoletana.

l'avv. Ludovico Carrano posa insieme con la Principessa che mostra il soldatino appena regalatoLe dal giovane casertano.

don Massimo Cuofano mentre  legge una poesia sul Principe Alfonso

a tavola con la Principessa

il comm. Andreozzi e sig.ra insieme con il cav. dr. Pio Francesco Tartaglia

"the Fantastic Four", tra cui l'amico Enzo De Maio, Don Massimo Cuofano e l'editore Vincenzo D'Amico

Aldo e Luigi Cobianchi, la loro mamma, Renato Campofreda ed una coppia di amici

i cavalieri Luigi de Angelis (secondo da sin.), il mitico cav.  Sandro Ambroselli, il cav. Pietro Valle e le loro gentili consorti

la prof.ssa Renata Montanari de Simone, il dr. Fernando Riccardi, e l'arch. Marinella Giuliano

il video della presentazione



Nessun commento:

Posta un commento