ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

venerdì 6 dicembre 2013

CONVERSANO


Come  precedentemente annunciato, domenica prossima 8 dicembre in  Terra di Bari e per l’esattezza nella Città di Conversano, su iniziativa di compatrioti pugliesi e  in particolare per la passione, veramente profonda e sentita, che anima il Sacerdote Don Luciano Rotolo, parroco della Chiesa dedicata alla Madonna.del Carmine  in quella Città, si svolgerà  nella  stessa  Chiesa ancora una volta la cerimonia della Benedizione della Bandiera.
Questa cerimonia che, insieme ai tanti eventi di ricordo, commemorazione e celebrazione  dell’antico Regno delle Due Sicilie, sta assumendo un carattere di ciclicità, come giorno di svolgimento viene svolta nella data di ricorrenza della festività che la Chiesa attribuisce alla Immacolata Concezione, ricordando il dogma  in proposito promulgato da S.S. Pio IX.  



S.S. il Beato Pio IX


Il dogma dell'Immacolata Concezione fu proclamato l'8 Dicembre 1854 ma l’intuizione di sancire per dogma l'assenza del peccato originale nel concepimento della Beata Vergine germinò nella mente del Pontefice nel periodo di esilio trascorso nel 1848-49 a Gaeta  ove si raccoglieva in preghiera nella piccola Cappella –la Grotta d’Oro – annessa alla Chiesa dell’Annunziata.


« Que sòi era Immaculada Concepcion »


Il culto della Vergine Immacolata  ben presente  e fortemente radicato nella  religiosità del popolo cristiano, nel Regno delle Due Sicilie assurse a particolare importanza ritenendosi la Vergine Immacolata protettrice del Regno stesso, tanto che la data dell’8 dicembre  era considerata giorno di festa a tutti gli effetti e  nella circostanza veniva tenuta una grande parata militare quasi a voler consacrare le milizie tutte alla Vergine: si ricorda che fu proprio nello svolgimento di questa parata, l’8 dicembre del 1856 nel Campo di Marte di Napoli, che ebbe a verificarsi l’attentato alla vita di Re Ferdinando II, attentato che fallì totalmente, provocando solo la morte dell’attentatore.

S.M. Ferdinando II, Re del Regno dele Due Sicilie

Grande riconoscimento va quindi, a nostro parere,agli organizzatori tutti di tale Cerimonia e primo fratuti il Reverendo don Luciano, e ci auguriamo che Essa possa sempre più affermarsi  e consolidarsi con sempre più larga partecipazione di popolo. Vogliamo anche ricordare a vanto di queste popolazioni spesso ingiuriate e derise che ancora ogginonostante la” moda “ imponga nomi “moderni” come Samantha, Dalila, Noemietc., molte ancora sono le donne del Sud che portano orgogliosamente il nome di Maria tra cui Immacolata  e a conferma, se mai si volesse avere, della  Napoletanità –nella più larga accezione del termine- di Casa Borbone ricorderemo che le due  Principessine figlie del Principe Carlo hanno entrambe nome Maria –Carolina e Chiara- e le figlie del Principe Antonio hanno nome Maria Annunziata e Maria Carolina.




Cogliamo poi l’occasione per fare una domanda e una proposta: non sarebbe bello fare la benedizione della Bandiera in occasione degli eventi di commemorazione e celebrazione  che periodicamente si susseguono e che al momento sono Gaeta, Civitella, Messina, BitontoPontelandolfoCapua, Gioia del Colle?
Anche questa è una speranza!

Nessun commento:

Posta un commento