ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

mercoledì 19 giugno 2013

PRIMO ANNUNCIO - XVI COMMEMORAZIONE DEI SOLDATI DEL REGNO DELLE DUE SICILIE


4 commenti:

  1. C’è, inoltre,l’esercito napoletano, del quale pure meno si parla è meglio è. Non ha mai brillato granchè di fronte al nemico e, sia combattendo per il re, come nel 1799, sia per la Costituzione, come nel 1821, si è distinto per le sue fughe. Anche nel 1848-49 l’esercito dei napoletani fu dovunque battuto dagli insorti e se non fosse stato per gli svizzeri, il re non sarebbe ora sul trono. Durante l’assedio di Roma, Garibaldi mosse con un pugno di uomini contro la divisione napoletana e la batté due volte. L’esercito di Napoli, si calcola che in tempo di pace raggiunga le 26 o 27 mila unità, ma nel 1848 annoverava senz’altro quasi 49.000 uomini e sul piede di guerra avrebbe raggiunto il numero di 64.000. Di tutte queste truppe, solo gli svizzeri sono degni di menzione.
    Scritto nel periodo tra giugno e settembre 1855.
    Pubblicato sulla rivista Putnam’s Monthly nn. 32, 33. 36 in agosto, settembre, dicembre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fanno ancora parlare coloro che propagano lezioncine da Sussi diario? ... Prima di affermare baggianate come quella che "solo gli svizzeri sono degni di menzione" si vada a studiare la VERA storia! Vada a ricercare le notizie vere tra i documenti originali! Fino ad allora...stia in silenzio e porti rispetto! Fa anche più bella figura!

      Elimina
    2. Con la tiritera della " vera storia " non incantate piu nessuno . Provate a cambiare slogan questo e' abbastanza stupido . La " vera storia " l'ha scritta il re in persona quando rivogendosi al figlio il futuro Francesco II che studiava le nuove divise gli dice " vestili come vuoi " scapperanno lo stesso " La " vera storia " e' scritta nei fatti ; dalla fuga da Roma di Ferdinando IV il 11 Dicembre 1798 , travestito da servitore che scappa abbandonando il suo esercito quattro volte piu grosso di quello del nemico , alla sua successiva fuga da Napoli per la Sicilia , alla seconda fuga per la Sicilia solo pochi anni dopo , al suo rientro da Lubiana accompagnato da un esercito austriaco ( non si fidava del suo che sciogli facendosi proteggere da mercenari e dagli austriaci ) e cosi' via fino ad arrivare al 1860 . Ma non era il valore che mancava ai soldatio Napoletani . Sotto Napoleone si fecero onore . Ma con i borbone erano stati ridotti al rango di sbirri di seconda categoria , visto che quelli di prima erano comunque i mercenari svizzeri . Questa e' la " vera storia " e non occorre che la si voglia cancellare con slogan .

      Elimina
  2. non pubblicare le fonti dei vostri scritti equivale a parlare a vanvera

    RispondiElimina