ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

sabato 29 giugno 2013

Lettera del nostro Presidente in occasione dell'incontro di Fenestrelle.


Duccio carissimo, si avvicina il giorno in cui tu e quanti volenterosi compatrioti ci saranno, vi recherete a Fenestrelle per ricordare quei valorosi Soldati delle Due Sicilie che in quel forte, per cattiveria del vincitore trasformato in carcere, morirono, nel pieno rispetto del loro giuramento.
Essi vinti dalla mala sorte, dal tradimento, dalla incapacità o codardia  di capi e non certo manchevoli di valore militare e di virtù civile, dettero ulteriore dimostrazione dell'attaccamento dell'uomo del Sud alla propria terra, alla propria Patria, identificata nella figura del Re e ne è prova chiara ed eclatante quella frase di risposta  all'adescamento piemontese: ""UNO DIO, UNO RE"".
Si sacrificarono oltre ogni misura e il Loro ricordo deve essere per noi motivo di vanto e sprone a ricordare, ricordare e ricordare e riprenderci la nostra identità di Popoli delle Due Sicilie.
Purtroppo contrariamente all'anno scorso quando con te applicammo la targa ricordo dell'Istituto Due Sicilie e dell'Associazione Capitano De Mollot, quest'anno non ci è possibile, per motivi di ordine vario, partecipare a questo pellegrinaggio che sotto l'egida dei Comitati Due Sicile, tu, con tanto amore, curi e dirigi: consideraci presenti e noi in quel giorno lo saremo con il nostro pensiero e con una preghiera.
Ti abbraccio  e dico Viva le Due Sicilie.                         

Caramente,
Gianni  Salemi


Fenestrelle luglio 2012,  il nostro Presidente (a destra) accanto alla lapide apposta nel 2008 e alla targa dell'Istituto di Ricerca Storica elle Due Sicilie e dell'Ass. Culturale de Mollot, insieme con Duccio Mallamaci (centro)  ed Aldo Clemente (sin.)

Nessun commento:

Posta un commento