ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

domenica 23 dicembre 2012

Emigranti per forza. Il convegno a Falvaterra
















FALVATERRA - L’associazione culturale “Fabrateria” organizza, con il patrocinio del Comune di Falvaterra¸ il tradizionale convegno dell'Epifania dal titolo: “La nostra storia: l’emigrazione italiana e falvaterrana tra fine ‘800 e metà ‘900”.
                                                                                               
L’appuntamento è per sabato 5 gennaio 2013¸ alle ore 16.00¸ presso la sala consiliare del Comune. Quest’anno il convegno intende approfondire i motivi sociali, economici e culturali che determinarono il triste fenomeno dei flussi migratori che sconvolsero l’intera Europa nel primo decennio del nuovo secolo e che si protrassero fino agli anni ’50 del secolo scorso. L'Italia perse milioni di abitanti. Falvaterra, come tanti altri paesi della media valle del Liri, contribuì con centinaia di emigranti spopolandosi e perdendo interi nuclei familiari. Il programma del convegno, che sarà moderato da Gianni Martini,  prevede il saluto iniziale del sindaco di Falvaterra Antonio Lancia e l’introduzione alla conferenza di Adriano Piccirilli, presidente dell’associazione culturale “Fabrateria”. Seguiranno le relazioni curate da Fernando Riccardi (“La crisi sociale e il brigantaggio postunitario: da brigante ad emigrante”), di Ferdinando Corradini (“Crisi economico-sociale postunitaria e l'emigrazione nell'Italia meridionale”), di Luigi Santilli (“L'emigrazione nel Lazio: sviluppo dei rapporti con la terra d'origine”), di Giovanni Federici (“L’emigrazione falvaterrana: le motivazioni”), di Eugenio Maria Beranger (“Richieste di passaporti dei cittadini di Sora e di Pescosolido nel 1903”) e di Vincenzo Martini (“La ricerca della felicità: migrazione dalla Valle del Liri verso Canada e Usa negli anni '50”). Alla fine dei lavori è previsto un intervento di un rappresentante della Comunità di S. Egidio che evidenzierà il disagio degli emigranti anche dei nostri giorni, coadiuvato dalla letture di alcune poesie sul tema di Roberto Orsatti. L'associazione “Fabrateria”, considerato lo straordinario interesse degli argomenti trattati, vorrebbe racchiudere in un volume (risorse economiche permettendo) la pubblicazione degli atti di questo e dei precedenti convegni. Inoltre la stessa associazione ha creato un archivio informatizzato con i dati di tutti gli emigrati falvaterrani che passarono per Ellis Island. Quest’archivio, destinato ad essere completato con i dati dei falvaterrani diretti verso altri Paesi, è a disposizione di tutti. A conclusione dei lavori ci si sposterà presso il bar-ristorante “Sagittario” dove sarà possibile degustare “laine e fagioli”, un piatto tradizionale della cultura culinaria ciociara. Per maggiori informazioni e quant'altro ci si può rivolgere a Gianni Martini (335/7510801) oppure ad Adriano Piccirilli (347/8758929).                                   

Nessun commento:

Posta un commento