ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

martedì 6 novembre 2012

La dinastia Borbonica arriva a Roccasecca


ROCCASECCA - Sarà presentato a Roccasecca, sabato 10 novembre, il libro la Dinastia Borbonica, dello storico Francesco Maurizio Di Giovine, nella Sala San Tommaso del Palazzo Comunale, dopo i saluti del Sindaco Giovanni Giorgio e dell’assessore alla Cultura Alessandro Marcuccilli che hanno organizzato l’evento con la collaborazione dell’Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie. Analizza la storia di 127 anni del nostro Sud, gli anni in cui “La dinastia Borbonica” ha retto le sorti della nostra Patria. Lo fa con la chiarezza e la correttezza storica che lo contraddistinguono. Nella “dinastia Borbonica” si affrontano i tratti salienti dei sovrani di Casa Borbone, quello che hanno realizzato e quello che è stato dimenticato. Dalla nascita della Marina Napoletana ai campi di battaglia di Bitonto, Capua, Gaeta, dallo sviluppo del commercio nel Mediterraneo alla partecipazione al concerto europeo, dallo sviluppo industriale al perfezionamento delle tecniche agricole. Storia documentata e basata su fonti certe. Il risultato sono 200 pagine che non possono mancare nelle biblioteche di ogni appassionato della storia del Sud, non solo borbonici e nostalgici. Un libro fatto per chi ama la propria terra. Chi conosce il proprio passato e la propria storia vi troverà tante precisazioni e numerose informazioni sottovalutate o non riportate in altri testi. Chi crede che i Borbone sono stati la pagina nera del nostro Sud dovrà ricredersi.


l'autore, dr. Francesco Maurizio Di Giovine ed il comm. Giovanni Salemi alla presentazione del libro tenutasi alla libreria Guida di Capua

il comm. Salemi (di spalle) e il dr. Francesco Maurizio Di Giovine, durante la cerimonia di Capua

Nessun commento:

Posta un commento