ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

martedì 9 ottobre 2012

XV Commemorazione della Battaglia del Volturno, l'omaggio del Regno ai caduti

Le Guardie d'Onore "presidiano" la corona d'alloro in ricordo dei caduti

CAPUA – E’ stata un grande successo di pubblico la XV Commemorazione dei Caduti del Regno delle Due Sicilie nella battaglia del Volturno che si è celebrata sabato 6 ottobre a Capua. A contribuire al successo è stata non solo la presenza della Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie e delle maggiori cariche del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio ma la grande affluenza di patrioti giunti da ogni parte del Sud per rendere omaggio ai nostri soldati caduti nel 1860. Padrone di casa ineccepibile e organizzatore da 15 anni dell’evento è stato il Commendatore Giovanni Salemi che, assieme al Sindaco di Capua, Carmine Antropoli, ha accolto gli ospiti e la Principessa Beatrice. La manifestazione è entrata nel vivo con l’avvio della commemorazione e dell’apposizione della corona d’alloro alla lapide che ricorda la battaglia. A rendere gli onori militari è stato un drappello del Corpo Militare Volontario proveniente da Napoli e comandato dal Sottotenente Commissario Di Guida e, in tenuta storica, un drappello di marinai – cannonieri dell’Armata di Mare del Regno delle Due Sicilie al comando del siciliano Agostino Polizzy in tenuta da Capitano di Vascello facenti parte del Centro Studi di Rievocazioni storiche “a-storia” di Savona. A portare la corona un gruppo di Cavalieri del Sacro Militare Ordine Costantiniano facenti parte della Guardia d’Onore istituita con l’autorizzazione del Delgato SMOC della Campania, Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, su proposta del Cavaliere Luigi Andreozzi. Oltre al Marchese Sanfelice di Bagnoli il Sacro Militare Ordine Costantiniano, che ha concesso per l’occasione il proprio patrocinio alla manifestazione (che ha affiancato quello concesso dalla Provincia di Caserta e dall’amministrazione comunale di Capua), è stato presente in gran numero con i suoi delegati Commendatore Antonio di Janni (vice delegato della Sicilia), Cavaliere di Gran Croce Franco Ciufo (vice delegato del Lazio), Commendatore Giovanni Bonanno (delegato di Messina). A ricordare i caduti è stata l’allocuzione dello storico Francesco Maurizio Di Giovine ascoltata e applaudita. Molto sentita la celebrazione eucaristica nella raccolta e antichissima Chiesa dei Santi Rufo e Carponio, officiata dal Reverendo Don Francesco Pappadia, dell’arcidiocesi di Capua, che ha ricordato il valore dei vinti e pregato per le anime loro e dei Sovrani Francesco II e Maria Sofia. La manifestazione ha poi trovato la sua conclusione nella Sala Consiliare del Comune di Capua dove si è svolto il convegno storico. All’ingresso della Principessa Beatrice il drappello dei Marinai ha reso gli onori militari all’importante ospite che, prima dell’inizio dei lavori, si è intrattenuta presso i tanti espositori di libri e oggettistica meridionalista e borbonica e con i tanti convenuti. A moderare il convegno lo stesso Giovanni Salemi che ha introdotto i due relatori, il giornalista e storico Fernando Riccardi che ha raccontato i tragici episodi dello scontro tra l’Esercito delle Due Sicilie e l’armata garibaldina, e lo storico Adolfo Morganti che ha contestualizzato storicamente la crisi valoriale che stiamo affrontando in Europa, in un interessante percorso che ha appassionato il pubblico presente con le sua argomentazioni. In occasione della manifestazione è stato anche presentato il volume curato dallo storico Francesco Maurizio Di Giovine e dal Past President dell’Associazione ex Allievi Nunziatella, Giuseppe Catenacci che è stato donato ai presenti. Al termine dell'incontro è seguita una riunione conviviale nel ristorante Ex-Libris nella suggestiva cornice di palazzo Lanza in cui, accompagnati da canti briganteschi e tradizionali eseguiti dal maestro Benedetto Vecchio, amico e collaboratore di Eugenio Bennato, si è brindato con l'ottimo spumante dal nome evocativo, "Don Ferdinando", prodotto dell’Isola di Ponza dall'Azienda agricola Marisa Pouchain Taffuri, particolarmente apprezzato dalla principessa e dai presenti.
L’ottima riuscita della manifestazione ha rappresentato ancora una volta la conferma dell’attenzione che il popolo meridionale rivolge al proprio passato e, dagli interventi al convegno e al successivo dibattito, di quanto sia necessario e utile riscoprire la verità storica per riannodare i fili con la nostra Patria e per costruire un nuovo, più prospero, futuro






Il Commendatore Giovanni Salemi e lo storico Maurizio Di Giovine

I marinai - cannonieri della Real Marina delle Due Sicilie

S.A.R. la Principessa Beatrice, e, da sinistra l'avvocato Franco Ciufo (vice-delegato Smoc di San Giorgio per il Lazio), il Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli (delegato Smoc Campania) e il Dott. Antonio di Janni (vicedelegato Smoc Sicilia).

Un momento del Convegno storico, accando a S.A.R. la Principessa Beatrice, il Sindaco di Capua Carmine Antropoli.

Al tavolo dei relatori il Prof. Morganti, il Commendatore Salemi e il Dott. Riccardi.

Nessun commento:

Posta un commento