ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

martedì 9 ottobre 2012

XV Commemorazione dei Caduti del Regno delle Due Sicilie








CAPUAUn grande successo di pubblico per la XV Commemorazione dei Caduti del Regno delle Due Sicilie nella battaglia del Volturno che si è celebrata sabato 6 ottobre a Capua.
il comm. Antonio di Janni, SAR la principessa Béatrice e la signora Schiralli, a casa Salemi
il siciliano Agostino Polizzy di "A-Storia", con l'uniforme da capitano di vascello dell'Armata di Mare del Regno delle due Sicilie, al comando dei suoi "marinai-cannonieri"

in primo piano da sin. il cav. Crisconio, il cav, gr. croce avv. Ciufo, il comm. marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, SAR la principessa Beatrice, il preside Bologna, il comm. di Janni


Prima dell'inizio della cerimonia, SAR la principessa Béatrice di Borbone due Sicilie, ricevuta dal comm. Salemi e dal Sindaco di Capua, dr. Carmine Antropoli, si è brevemente intrattenuta con tutti i presenti tra cui il cav. di giustizia, nob. Marco Crisconio, le napoletane Donatella e Valeria Pessetti, dame di merito, il marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, comm. di giustizia e Delegato per Napoli e la Campania, del nob. comm.di grazia Antonio di Janni, vice Delegato per la Sicilia, e il cav. di gran croce di merito, avv. Franco Ciufo, vice Delegato del Lazio, tutti appartenenti al S.M.O.Costantiniano di San Giorgio; i pugliesi dr. Francesco Laricchia, l'avv. Gaetano Marabello, il dr. Nestore Spadone; i calabresi avv. Palmeri e l'ing. Duccio Mallamaci, i campani Andrea Mingione ed il preside Vincenzo Giannone (della scuola Ferdinando II di Scafati) e tanti altri. Con la presenza di folto pubblico, tra cui le persone succitate, si è poi svolta la deposizione della corona di alloro in memoria dei Caduti. Al suono  dell'Inno del Re e scortata dai membri della Guardia d'Onore alle Tombe Reali del SMOCSG, al comando del cav. dr. Luigi Andreozzi, la corona d'alloro è stata deposta ai piedi della lapide sita sulla facciata di palazzo Salemi che ricorda i Caduti stessi. A rendere gli onori militari un drappello del Corpo Militare Volontario, proveniente da Napoli e comandato dal s.tenente commissario dr. Di Guida, insieme con un drappello di marinai-cannonieri dell'Armata di Mare del Re del Regno delle due Sicilie, del CENTRO STUDI RIEVOCAZIONI STORICHE "A-STORIA" di Savona, al comando del siciliano Agostino Polizzy in tenuta da capitano di vascello. Molto sentita la celebrazione eucaristica nella raccolta e antichissima Chiesa dei Santi Rufo e Carponio, officiata dal rev. don Francesco Pappadia dell'Arcidiocesi di Capua, in suffraggio dei Caduti Duosiciliani e delle LL.MM. Francesco II e Maria Sofia. Successivamente la cerimonia è continuata con il convegno di studio svoltosi nella Aula Consiliare del Palazzo Municipale. All'ingresso nel palazzo, S.A.R. è stata salutata dal drappello dei Marinai che ha reso gli onori militari all'Augusto Personaggio.   A dare inizio ai lavori il Commendatore Giovanni Salemi, organizzatore da 15 anni dell'evento che vede convergere su Capua decine di appassionati da tutta la penisola. Dopo i saluti ai partecipanti ed alla Principessa Beatrice da parte del sindaco di Capua e dei Delegati dell'Ordine Costantiniano, sono poi seguite le relazioni del dr. Fernando Riccardi, giornalista di Roccasecca (Alta Terra di Lavoro) che , con toni appassionati di patriota, ha raccontato episodi tragici dello scontro tra l'Esercito Napoletano e le bande garibaldesche (rinforzate da soldati piemontesi ed inglesi sotto mentite spoglie) e del prof. Cav. Adolfo Morganti, storico ed editore legittimista e tradizionalista ha contestualizzato storicamente la crisi valoriale che stiamo affrontando in Europa, in un interessante percorso che ha appassionato il pubblico presente con le sua argomentazioni. In occasione della manifestazione è stato anche presentato il volume curato dallo storico Francesco Maurizio Di Giovine e dal Past President dell’Associazione ex Allievi Nunziatella, Giuseppe Catenacci che è stato donato ai presenti.

Al termine dell'incontro è seguita una riunione conviviale nel ristorante Ex-Libris nella suggestiva cornice di palazzo Lanza in cui, accompagnati da canti briganteschi e tradizionali eseguiti dal maestro Benedetto Vecchio, amico e collaboratore di Eugenio Bennato, si è brindato con l'ottimo spumante dal nome evocativo, "Don Ferdinando", prodotto dell’Isola di Ponza dall'Azienda agricola Marisa Pouchain Taffuri, particolarmente apprezzato dalla principessa e dai presenti.
L’ottima riuscita della manifestazione ha rappresentato ancora una volta la conferma dell’attenzione che il popolo meridionale rivolge al proprio passato e, dagli interventi al convegno e al successivo dibattito, di quanto sia necessario e utile riscoprire la verità storica per riannodare i fili con la nostra Patria e per costruire un nuovo, più prospero, futuro.

Il drappello dei cavalieri costantiniani, guidati dal dr. Andreozzi,  che deporranno la corona d'alloro ai piedi della lapide
i cavalieri del SMOCSG Ubaldo Sterlicchio e Adolfo Morganti depongono la corona; accanto a loro il cav. Luigi Andreozzi con la bandiera delle due Sicilie
I cavalieri Sterlicchio (parzialmente nascosto dal diffusore),  Morganti, Andreozzi (con la bandiera) e le gentili dame Valeria e Donatella Pessetti, davati alla lapide apposta sulla facciata di Palazzo Salemi. tra le due dame il t. commisario dr. Di Guida.

il comm. Giovanni Salemi insieme con il dott. Francesco Maurizio Di Giovine

ancora un primo piano

ancora il comm. Salemi e il dr. Di Giovine  mentre pronunzia una breve allocuzione


i marinai di "A.Storia" Historical Re-enactment, rendono gli onori ai Caduti delle due Sicilie. Dietro di loro si intravede l'avv. Ciufo ed il marchese Sanfelice di Bagnoli.

il siciliano Agostino Polizzy, discendente del palermitano gen. Vincenzo Polizzy che combattè nella battaglia del Volturno; a fianco i cavalieri della Guardia d'Onore alle Tombe Reali del SMOC di San Giorgio.

dame e cavalieri dell'Ordine Costantiniano, i militi del Corpo Militare Volontario ed i marinai.cannonieri dell'Armata di Mare del Re del Regno delle due Sicilia.
la S.Messa in suffraggio dei Caduti e delle LL.MM. Francesco II e Maria Sofia
S.A.R. la principessa Béatrice tra i marinai in divisa storica di "A-Storia"

da sin. la principessa, il dr. Antropoli, Sindaco di Capua, la sig.ra Giovanna Salemi

un momento del Convegno tenutosi nella sala Consiliare del Comune di Capua

Ancora un momento del Convegno

Aggiungi didascalia
i marinai-cannonieri del CENTRO STUDI RIEVOCAZIONI STORICHE "A-Storia", fronte alla lapide 
il comm. Salemi mostra la bandiera del 16° Battaglione Cacciatori di cui è stato fatto omaggio
la dama di merito Donatella Pessetti, la principessa Béatrice, il comm. Salemi e parzialmente coperta la dama di merito Valeria Pessetti


il comm. Salemi ed il dr. Fernando Riccardi

il dr. Zampella, priore dell'Arciconfraternita di S. Giovanni Battista di Caserta

il comm. Antonio di Janni, vice Delegato della Sicilia
il cav. Aldolfo Morganti durante il suo apprezzatissimo intervento

il dr. Francesco Laricchia


la principessa Beatrice al ristorante Ex-Libris




Nessun commento:

Posta un commento