"Caro" Presidente ti scrivo/ perchè non omaggiare le vittime innocenti dell'unità d'Italia?



Come annunciato pubblichiamo la lettera inviata al Presidente Napolitano dal compatriota Erminio de Biase.


"Illustrissimo Signor Presidente,
avendo Lei da poco concluso le celebrazioni per il 150° anniversario dell'unificazione della penisola italiana, mi permetto di chiederLe il motivo per cui Lei non ha mai visitato, né tanto meno citato, i comuni di Casalduni (BN), di Pontelandolfo (BN) e di Bronte (CT) dove i "fratelli" d'Italia, nella loro foga di venirci a 'liberare' a tutti i costi, si diedero tanto da fare ad ammazzare, ad incendiare, a distruggere, a fucilare. Eppure anche le vittime di quei borghi versarono il loro sangue per la Patria, anch'essi furono martiri dell'unità, della libertà. O no?
Grazie per l'attenzione che vorrà riservare a queste mie parole".

Erminio  de Biase

Commenti

  1. Sottoscrivendo anche io la lettera di Erminio De Biase, potete raccoglierla come lettera cui mi associo.

    Cordiali saluti,

    Dott. Massimo Corvino

    RispondiElimina

Posta un commento