ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

lunedì 31 ottobre 2011

XIV Commemorazione dei caduti duo siciliani al Volturno, un grande successo per la manifestazione del 29 ottobre


Il pubblico nella sala del Consiglio Comunale di Capua durante il Convegno

CAPUA – E’ stata un successo la manifestazione di Capua dove, sabato 29 ottobre, sono affluiti amici e compatrioti da tutte le vecchie province del Regno, nessuna esclusa, per assistere alla XIV Commemorazione dei Soldati del Regno delle Due Sicilie caduti durante la Battaglia del Volturno del 1° ottobre 1860. Tanti quelli che si sono presentati in Corso Gran Priorato di Malta, 3 per gli onori militari alla lapide che riporta: “Per la memoria contro l’oblio – Il 1 ottobre 1860 davanti a Capua l’Esercito delle Due Sicilie combatteva senza fortuna ma con grande valore per l’indipendenza della Patria – I compatrioti riconoscenti”. A fare gli onori di casa è stato il Commendatore Giovanni Salemi, Presidente del Comitato organizzatore che ha introdotto i lavori salutando il drappello militare della Croce Rossa italiana che è stato presente e che ha voluto commemorare i caduti ricordando la figura del capuano Ferdinando Palasciano, soldato del Regno delle Due Sicilie, il primo a occuparsi dei feriti di guerra creando una associazione che precorse nei tempi la stessa Croce Rossa. A seguire la deposizione della corona di alloro è stata l’allocuzione del magistrato Edoardo Vitale che ha ricordato il valore e l’onore dimostrato dai “ragazzi del Volturno” nelle difficili condizioni dell’autunno 1860. Toccante anche il ritratto tracciato da Don Francesco Pappadia nella sua omelia durante la Santa Messa che si è svolta nella Chiesa dei Santi Rufo e Carponio. Il suo ricordo ha toccato anche le figure del Generale Matteo Negri e del Capitano Domenico Bozzelli, ufficiali del Real Esercito caduti durante i combattimenti sul Garigliano presso il Ponte Real Ferdinando il 29 ottobre. Numerose le associazioni e gli amici presenti al convegno di studi che si è poi svolto nella sala consiliare del Comune di Capua a cominciare dall’Associazione Ex Allievi Nunziatella e dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio ma anche i rappresentanti e i responsabili delle associazioni Rinascita del Sud, Mediterranea 2000, Med & Cult, Terra Aurunca, Rete Sud, Movimento dei paesi e dei quartieri e del mensile meridionalista “il Brigante”. Non sono mancati rappresentanti istituzionali, oltre al Sindaco di Capua, Carmine Antropoli che ha introdotto i lavori augurando buon lavoro ai convenuti e compiacendosi per le attività messe in campo, anche il Sindaco di Palazzo San Gervasio, comune della Lucania, Federico Pagano, il presidente della Commissione Cultura del Comune di Casamassima, Francesco Laricchia, il vicesindaco di San Prisco, Giuseppe Cinotti, e, in rappresentanza del primo cittadino di Castel di Sangro, Umberto Murolo, la dottoressa Maria Domenica Santucci, responsabile della Biblioteca comunale e autrice di un bel libro dedicato alla figura del Capitano Bozzelli, originario proprio del comune Abruzzese. A prendere la parola al convegno il giornalista Roberto Della Rocca, che ha esaminato il fallimento dei festeggiamenti per il 150enario dell’unità sia dalla parte “istituzionale” che da quella meridionalista, l’antropologa Marina Lebro, che ha affrontato la questione della sfida economica del Sud alla luce degli ultimi dati dello Svimez e tenendo presente la direttrice mediterranea verso cui sono proiettate le Due Sicilie, e, infine, lo storico Maurizio Di Giovine, autore del volume “L’arretramento difensivo dell’Esercito Napolitano dal Volturno al Garigliano” distribuito al termine dell’incontro, che ha affrontato le vicende storiche svoltesi tra il Volturno e il Garigliano durante gli ultimi mesi del 1860. Al termine del convegno il Direttore Editoriale de il Giornale del Sud, Fernando Riccardi ha presentato la redazione e indicato le ragioni della scelta di avviare l’attività di un nuovo periodico meridionalista che si affianca a quelli già esistenti. Un programma ricco che ha lasciato soddisfatti i partecipanti e gli organizzatori. 
Viva le Due Sicilie e arrivederci alla XV Commemorazione!

c.s.

Il Commendator Salemi, da 14 anni organizzatore
della Commemorazione del Volturno

Il magistrato Edoardo Vitale durante il ricordo
dei soldati del Real Esercito delle Due Sicilie

I soldati del Regno depongono la corona
d'alloro commemorativa


Umberto Schioppa, al comando del drappello



Il pubblico ascolta la commemorazione



Gli uomini del reparto militare della Croce Rossa
rendono i loro omaggi ai caduti



Il tavolo dei relatori e lo slogan della manifestazione:
"Per la memoria, contro l'oblio"

La folta platea accorsa al convegno, in prima fila (primo da destra)
il Sindaco di Capua, dottor Carmine Antropoli







Vincenzo Giannone Dirigente Scolastico della scuola Ferdinando II di Scafati,
omaggia il Commendator Salemi e il magistrato Vitale per il loro impegno
nella battaglia identitaria e tradizionalista

Nessun commento:

Posta un commento