ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

venerdì 2 settembre 2011

lettera di assenso di papa Pio XI alla traslazione della salma dell'ultimo sovrano Napoletano

NAPOLI - Pubblichiamo un documento scarsamente conosciuto dagli appassionati di storia patria: l'assenso che fu inoltrato dall'allora segretario di Stato della Santa Sede il card. Eugenio Pacelli, futuro pontefice, al capo della Casa reale Napoletana, S.A.R. Ferdinando Pio di Borbone Due Sicilie in occasione della traslazione delle spoglie mortali dell'ultimo sovrano delle due Sicilie Francesco II, della moglie la regina Maria Sofia di Baviera, eroina di Gaeta, presso la chiesa dello Spirito Santo dei Napoletani, già chiesa nazionale del Regno delle Due Sicilie in Roma. L'intera operazione fu voluta come segno tangibile di riconciliazione tra la casa reale di Napoli e quella italiana dopo i fatti del 1861 dall'allora principe di Piemonte Umberto di Savoia, erede al trono d'Italia, anche su pressione ed interessamento della moglie di quest'ultimo,  la principessa Maria Josè di Sassonia Coburgo-Gotha, nipote dell'ultima sovrana delle Due Sicilie. Alla cerimonia solenne parteciparono autorità civili, religiose, esponenti delle principali famiglie nobili italiane, Napolitane e del patriziato romano. Il pontefice allora regnante inoltrò una speciale benedizione apostolica all'intera famiglia reale napoletana, riconoscendo il particolare legame religioso tra la Sede apostolica e la famiglia borbonica, la fedeltà alla Chiesa anche in momenti difficili da parte dei sovrani napoletani ed esaltando le benemerenze dell'augusta casa  presso il mondo cattolico. Le salme degli ultimi sovrani di Napoli e della loro unica figlia, la principessina Maria Cristina Pia Anna Isabella Natalia Elisa di Borbone delle Due Sicilie, riposano dal 1984 nella città partenopea presso la Basilica di Santa Chiara.

Buona lettura.
Enrico di Chateaubriand

S.S. Papa Pacelli

DAL VATICANO, 12 AGOSTO 1938  SEGRETERIA DI STATO DI SUA SANTITA' N. 1708      
Altezza Reale, il Santo Padre ha ricevuto la lettera che Vostra  Altezza Reale gli ha inviato in data 26 luglio,per implorare l'augusto assenso  a che le salme  di Sua Maestà il re Francesco II e della di lui consorte Sua Maestà la regina Maria Sofia  siano definitivamente  tumulate nella chiesa dello Spirito Santo dei Napoletani in Roma. Godo poterle partecipare che il desiderio di Vostra Altezza, rispondente alla volontà dei suoi augusti antenati, è stato benignamente  accolto dalla Santità Sua, ben lieta di poter offrire  questo attestato  di paterna benevolenza a lei ed alla sua Casa, SEMPRE ED IN OGNI EVENTO COSI DEVOTA DELLA SEDE APOSTOLICA. Il Santo Padre inoltre mi ha  commesso il particolare incarico di comunicare a Vostra Altezza una speciale benedizione, auspicio per lei e per la sua famiglia  delle più elette grazie del Signore. A me poi è grata l'opportunità  per esprimerle i sensi  del mio personale ossequio e della mia piu profonda osservanza, mentre mi professo di Vostra Altezza reale devotissimo servitore.

Card. Eugenio Pacelli

le LLMM Francesco II e Maria Sofia

Nessun commento:

Posta un commento