ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

lunedì 1 agosto 2011

LUIGI XVI DI BORBONE-FRANCIA, IL RE MARTIRE

 EMILIANO PROCUCCI

IL RE MARTIRE
Vita, passione e memorie di Luigi XVI di Francia
pp. 193, € 18,00
Il 21 gennaio 1793 Luigi XVI moriva sul patibolo per mano dei rivoluzionari francesi. Tra le accuse mossegli anche la sua ferma intenzione di ristabilire in Francia il culto cattolico. Coloro che lo imprigionarono e lo uccisero lo fecero in odio alla sua religione; fu per questo motivo che, subito dopo la sua morte, l’opinione pubblica francese gli attribuì il soprannome di Re Martire.
In questo saggio, attraverso i resoconti dei testimoni diretti della sua prigionia e della sua morte, le testimonianze dei suoi stessi carnefici e altri documenti storici inediti in Italia, come la Dichiarazione che il Re indirizzò ai Francesi alla sua partenza da Parigi, il 20 giugno 1791, e infine il Testamento, si vuole restituire un’immagine diversa di questo sovrano da quella diffusa dall’oleografia rivoluzionaria: non mostro sanguinario o monarca inetto privo delle qualità necessarie per esercitare il difficile mestiere di Re, ma uomo dotato di grande dignità, di una profonda spiritualità, di infinito zelo per gli interessi del suo popolo nonché di una non comune fermezza di carattere. Un vero Re cattolico, testimone della Fede cristiana che papa Pio VI immaginava fosse in cielo, cinto di una corona perenne, intessuta dagli angeli con gigli immortali.

EMILIANO PROCUCCI (Rimini 1976), laureato in lettere Moderne all’Università di Bologna, vive a Rimini dove svolge la professione di insegnante.
Studioso di storia delle Famiglie Reali europee, è Delegato in Italia dell’Association Louis XVI.
per info:
IL CERCHIO SRL
tel. 0541/775977 fax. 0541/799173 e-mail. info@ilcerchio.it
www.ilcerchio.it 


Luigi Maria di Borbone

Nessun commento:

Posta un commento