ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

giovedì 7 aprile 2011

Dal regno delle Due Sicilie al declino del Sud, presentato il libro del prof. Romano a Capua

Un momento della presentazione 

CAPUA – Un pomeriggio all’insegna della cultura quello trascorso assieme al prof. Tommaso Romano che sabato 2 aprile ha presentato due suoi testi: “Dal regno delle Due Sicilie al declino del Sud” e “La Real Fortezza di Messina”. Due libri pieni di contenuti e di spunti continui d’attualità. A presentare l’attività del professore è stato il Cavaliere Giovanni Salemi, presidente dell’Istituto di ricerca storica delle Due Sicilie, che ha introdotto i lavori nella libreria Guida del palazzo Lanza di Capua. “Presentiamo due volumi importantissimi per i temi affrontati a noi tutti molto cari. Da un lato la storia del declino del sud, dall’altro il gesto eroico dei difensori di una delle ultime fortezze del Regno, una storia di coraggio e di amore per la propria patria” ha sostenuto Salemi. Diversi i temi affrontati nel corso del convegno: dall’avvento della rivoluzione italiana, importata dalle armate francesi, all’arrivo di Garibaldi, dall’attacco alla chiesa al progressivo sradicamento dei valori tradizionali che erano alla base delle “Italie reali”, dalla cospirazione piemontese al ruolo della Francia e della Gran Bretagna nella caduta del Regno delle Due Sicilie. Impossibile non fare un riferimento ai giorni dì oggi. La nuova invasione di Lampedusa, l’inattività del Governo italiano e dell’Europa, l’aggressione francese alla Libia e i nuovi scenari geo politici mediterranei. Il prof. Romano ha le idee molto chiare quando presenta questi singoli aspetti della nostra storia e del nostro presente. Uomo di cultura, letterato, storico e politico, la sua esperienza di vita contribuisce a renderlo uno dei più lucidi interpreti della situazione del meridione come ha dimostrato, per l’ennesima volta, in occasione dell’incontro di sabato scorso. 

p.l.

Nessun commento:

Posta un commento