ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

venerdì 15 aprile 2011

Manzoni, appuntamento "rosa" per i ragazzi impegnati nel Seminario sulle Due Sicilie



CASERTA – Una mattinata “rosa” per gli alunni del Liceo Manzoni dove ieri si è tenuto il quarto appuntamento del I seminario di studi storici organizzato dall’Istituto di ricerca delle Due Sicilie. A confrontarsi con i ragazzi sono state la storica Dora Liguori, la critica d’arte Maria Rosaria Nappa e la prof.ssa di lettere Renata Montanari. Diversi i temi trattati nel corso del convegno, dalla caduta del regno, all’arte e alla letteratura napoletana. Il Seminario, che si svolge al Manzoni di Caserta da dicembre, sta riscuotendo un grande successo presso i ragazzi ma anche presso i docenti. Le lezioni tenute dagli esperti dell’Istituto di ricerca storica hanno consentito di portare, nella più grande scuola di Caserta, la vera storia del Regno delle Due Sicilie. La grande sensibilità della Dirigente Scolastica Adele Vairo e della direttrice del dipartimento di storia e filosofia, Francesca D’Errico, hanno consentito di lavorare in un ambiente organizzato e tranquillo. Ogni dibattito è stato infatti improntato alla massima correttezza e rispetto reciproco, premessa fondamentale per uno scambio culturale con i giovani. A conclusione della lezione di ieri mattina Dora Liguori ha lanciato ai ragazzi una richiesta molto intelligente, quella di scrivere una garbata lettera al Signor Presidente della Repubblica affinchè prenda l’impegno di chiudere il museo lombroso, una delle vergogne nazionali che ha ultimamente incassato 5 milioni di euro dal comitato torinese per i festeggiamenti della malaunità d’Italia. La proposta della scrittrice è stata accolta con un lungo applauso dalla platea. Non ci resta che attendere il testo della missiva e, soprattutto, la risposta (semmai ve ne sarà una) del presidente Napolitano.

Nessun commento:

Posta un commento