ATTENZIONE, AVVISO AI LETTORI DEL BLOG

Si avvisano i lettori che per commentare i post pubblicati è necessario accedere con l'account di posta gmail o inviare il proprio commento a istitutoduesicilie@gmail.com e gli amministratori provvederanno alla pubblicazione a nome del mittente.

domenica 20 marzo 2011

Le Due Sicilie raccontate ai giovani stranieri

Alcune immagini di una lezione

CASERTA - Continueranno fino a giugno le lezioni di storia che l'Istituto di Ricerca storica delle Due Sicilie terrà ai ragazzi del Servizio Civile Europeo giunti a Caserta dai paesi comunitari. Si tratta di Leticia Imbernon, Brice Rea e Mihail Patrascu. I tre, impegnati nella loro attività presso gli uffici della Provincia di Caserta hanno avviato un percorso formativo e di approfondimento presso il centro studi Maestri del Lavoro, l'organizzazione di cui è stato promotore il Maestro del Lavoro Mauro Nemesio Rossi, giornalista ed esperto di storia locale casertana. Rossi ha attivato, con la collaborazione di numerosi altri Maestri del Lavoro e di esponenti della società civile e delle istituzioni un intensa attività volta ad educare al lavoro i ragazzi delle scuole superiori e non solo. I tre giovani stranieri che arrivano dalla Spagna, dalla Francia e dalla Romani, cui si affiancherà presto un ragazzo inglese, seguono corsi di italiano e storia, con particolare riferimento alla storia delle Due Sicilie di cui sono estimatori. I docenti del Centro Studi ed Alta Formazione Maestri del Lavoro sono la prof.ssa Giovanna Anziano (del Liceo Manzoni), la prof.ssa Stefania Modestino (dello scientifico Diaz), la prof.ssa Silvana Virgilio (Itc Terra di Lavoro e Liceo Manzoni) e il dott. Roberto Della Rocca (del centro studi Mdl e dell'istituto di ricerca storica delle Due Sicilie). Le lezioni si svolgono il martedì e il giovedì dalle 9.30 alle 12.00 e andranno avanti fino al 9 giugno 2011. Ad essere coinvolti sono anche altri componenti dell'istituto di ricerca storica, come Andrea Casiere e Giancarlo Rinaldi, che si sono immediatamente messi a disposizione per organizzare visite guidate a Napoli e nelle altre zone della Campania per favorire la conoscenza del patrimonio artistico, storico e culturale del nostro Sud. Particolare interesse hanno suscitato la riscoperta dei cippi di confine delle Due Sicilie, il ruolo della massoneria nel risorgimento e l'attività di Ferdinando IV e Ferdinando II di Borbone.

P.L.



Nessun commento:

Posta un commento